Risarcimento del danno a precari con oltre 36 mesi di servizio. Fondo di dieci milioni di Euro per 2015 e 2016

Proponiamo le riflessioni dell’Avv. Claudio Solinas sulla possibilità di risarcimento per i precari che hanno presentato ricorso.“La Consulta si sofferma sulle “situazioni”pregresse e successive all’entrata in vigore della legge 107/2015 e distingue in modo differente la natura e l’efficacia della sanzione per superamento del limite dei 36 mesi – (risarcimento del danno) ovvero (stabilizzazione) – in relazione al succedersi diacronico delle fattispecie.

Continua a leggere

Annunci

Personale ATA: l’ANIEF impone al MIUR il pieno rispetto dei lavoratori precari

Il personale ATA con contratto a tempo determinato, assunto annualmente e ripetutamente dal MIUR, ha diritto alla medesima progressione economica e di carriera riconosciuta al medesimo personale con contratto di lavoro a tempo indeterminato. Questo quanto emerge dalla Sentenza ottenuta per l’ANIEF presso il Tribunale del Lavoro di Palermo grazie al prezioso intervento degli Avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli e Maria Adamo: la normativa comunitaria, infatti, vieta un trattamento retributivo che risulti sfavorevole ai precari per il solo fatto di essere assunti a termine. Continua a leggere

Precariato, anche la Corte di Appello di Trento riconosce gli scatti di anzianità da dare ai supplenti

I giudici rigettano l’appello della Provincia autonoma trentina, confermando il diritto alla progressione economica dei supplenti, precisando inoltre che da tali somme non vanno sottratte gli stipendi estivi. Diversi gli effetti a favore del personale precario: si va dai rimborsi annuali a partire dal 1.500 euro a lavoratore, al nuovo inquadramento dello stipendio iniziale per tutti coloro che stipulano nuovi contratti a tempo determinato con l’amministrazione. Continua a leggere

Personale ATA precario: l’ANIEF ottiene parità di trattamento stipendiale presso la Corte d’Appello di Lecce

L’ANIEF ottiene giustizia anche in favore del personale ATA precario che da sempre il MIUR continua a remunerare con il trattamento economico iniziale senza tener conto del precedente servizio prestato svolgendo le medesime mansioni. Con ricorso d’appello patrocinato con perizia dall’Avv. Massimo Menenti, Continua a leggere